Millefoglie di piatti con zucca

Negli ultimi fine settimana il mio passatempo sta diventando questo: creare sovrapposizioni di piatti secondo un colore, un tema, “e vedere di nascosto l’effetto che fa”, come recitava una vecchia canzone di fama proverbiale uscita dal cilindro di Enzo Jannacci.

Chi passa sul mio Instagram ha già visto tutto, e perdonate la scarsa qualità delle immagini scattate con il telefonino.

La prima stratificazione l’ho provata lo scorso sabato, l’intenzione era dare risalto a un piattino spaiato molto particolare, acquistato a qualche passata edizione del Mercante in Fiera.

20160910_174034

Il piattino in questione fa parte di una serie prodotta dalla Royal Doulton e dedicata ai personaggi dei libri di Charles Dickens; la serie fu chiamata Dickens Ware e può fregiarsi di pezzi molto più belli del mio, che però mi colpì, in una fila di piatti spaiati, con una piccola sbeccatura riparata, il piattino sembrava proprio uno degli sfortunati personaggi dickensiani, ed è tornato a casa con me.

Il personaggio ritratto è Tony Weller del Circolo Pickwick. Il verde del cappotto del personaggio e il filo verde del piattino sono stati la guida per scegliere i piatti sottostanti, molto diversi, anch’essi appartenenti alla mia nutrita accozzaglia di piatti spaiati.

Ieri invece ho voluto esagerare. Punto di partenza, una piccola zucca decorativa gialla. Ispirazione guida: trovare una stratificazione di piatti da usare per apparecchiare la tavola del compleanno di mio marito, che festeggeremo a fine mese.

Volevo abbinare la zucca a colori autunnali: rosso, verde, bruno. Ma poi: la forma della zucca che ben si prestava ad essere accolta in un contenitore che la abbracciasse,invece di farla rotolare; la mia innata predilezione per il blu; il fatto di avere delle meravigliose tazze da consommé uttavia poco sfuttate mi hanno dato il la per un risultato cromatico diverso.

Et voilà, la mia millefoglie di piatti con zucca.

20160917_105643

Da sotto la zucca troviamo: tazza da consommé di Wedgwood, serie Royal Homes of Britain, sotto un piatto fondo rosso di Johnson Brothers, serie Old Britain Castle, sotto ancora un’altro dei miei trovatelli spaiati, un piatto con bordo  decorato con cicogne blu in volo.

L’effetto era già ridondante, ma un placée di questo tipo vuole un sottopiatto – e qui ero già fuori tema “tavola per il compleanno del marito”, perché non possiedo sottopiatti.

Ho utilizzato un piatto grande, che uso per servire le pietanze a tavola, comprato in Portogallo, che magari ne avessi di più, ma trasportarli in aereo non era possibile e non riesco a trovare su internet tracce della casa produttrice per ordinarne altri.

La mia millefoglie mi piaceva molto, e ho deciso di abbinare le posate, anch’esse rigorosamente spaiate, un piattino per il pane (questo è gallese, e, ahimè, da solo) e tutto il resto.

Per il bicchiere dell’acqua ho scelto un bicchiere basso, bianco, effetto vetro soffiato. Ho messo un calice da vino e un calice piccolo da liquore che è così démodé da piacermi un sacco. Ho aggiunto una bottiglia in cristallo lavorato comprata ad un prezzo irrisorio da un rigattiere (nella foto si vede solo il fondo, ma ve la farò vedere meglio in altre occasioni) e una caraffa piccola decorata con foglie accartocciate, autunnali, che era di mia nonna.

L’ultimo tocco è stato il tovagliolo di lino rosso, per fare compagnia al piatto dello stesso colore.

Questa prova era così di prova che non mi sono nemmeno appoggiata sul tavolo ma su un mobile della sala, anche perché non mi dispiaceva l’effetto legno sotto alle stoviglie.

Non potrò apparecchiare così per il compleanno di Giacomo perché ci sono troppi pezzi unici, ma ci lavorerò…

Che ve ne pare?

Annunci

Zucche, meraviglie d’autunno

Devo ammetterlo, amo la luce la primavera e l’estate… vedere le giornate che si accorciano e che sembrano finire a metà pomeriggio mi intristisce parecchio. Ci sono, però, aspetti dell’autunno che sono veramente unici, fra questi indubbiamente le zucche hanno un posto sul podio.

Ingrediente versatile in cucina, sono anche un ottimo elemento decorativo per le nostre case. Da qualche anno compro zucche di diverse dimensioni e forme che mi fanno compagnia mentre sul divano, sotto la mia coperta preferita e con una tazza di buon tè aromatico, aspetto il ritorno di stagioni migliori…

Quest’anno al mercato dei contadini di Reggio Emilia (sabato mattina, Piazza Fontanesi), ho comprato una zucca della varietà turbante turco. Forma e colori tutti da ammirare, la turbante turco ha anche, mi dicono, un’ottima polpa adatta alle zuppe, ma non ho ancora osato far fuori la mia per assaggiarla.

Ecco una foto che le ho fatto vicino ai melograni dolcissimi che per miracolo, senza che nessuno se ne occupi, crescono nel nostro giardino. Mia figlia li adora e sono un altro regalo graditissimo dell’autunno.

cropped-dsc_0046.jpg

Ecco invece qui sotto qualche foto che mi ha mandato la bravissima Elena Figoli. Sono foto che ha scattato nell’Abbazia di Chiaravalle della Colomba, vicino a Piacenza, mentre passava per caso una domenica. Una di queste foto è anche sulla copertina del blog.

_MG_9138

_MG_9165

Le zucche sull’altare mi hanno fatto sognare un matrimonio d’autunno con zucche, bacche e foglie secche come decorazioni… qualche sposa del prossimo autunno ha voglia di provare?

Credits: Elena Figoli, per info o ispirazioni  Je t’aime – Elena Figoli Photographer 


Questo è il mio primo post. Vado on line oggi, 24 novembre 2014, giorno in cui mia figlie compie un anno e mezzo. E’ il mio modo di ringraziare la vita per la gioia di questi mesi.

Se capitate di qui, siete i benvenuti.